Non perdo peso: la dieta non funziona più?

Ti sarà sicuramente capitato di iniziare una dieta con grande entusiasmo: i primi chili scendono rapidamente e ti senti motivata.

Poi, improvvisamente, fine della magia, il peso si blocca.

Questa situazione è più comune di quanto pensi e può essere molto frustrante.

Tuttavia, è una risposta naturale del corpo che cerca di proteggersi, in ricordo del passato quando era necessario ai nostri avi conservare le energie per fronteggiare periodi lunghi di carestia.

Oggi questo DNA conservatore ci viaggia contro!

E’ importante che tu sappia che il tuo corpo è come una casa ben isolata.

Anche se fuori fa molto freddo o molto caldo, all’interno la temperatura rimane costante. Questo principio di equilibrio, chiamato omeostasi, fa sì che il nostro organismo mantenga uno stato stabile nonostante i cambiamenti esterni.

Lo stesso accade quando hai un peso in eccesso: il corpo si abitua a un certo livello di grasso e funziona in base a quello.

Anche se a lungo termine essere sovrappeso può causare problemi di salute, il corpo vede questo stato come normale e sicuro, stabile, da conservare. Per cui quando inizi a perdere peso, il corpo percepisce la perdita di grasso come una minaccia e cerca di difendersi, riducendo il consumo energetico per evitare di perdere ulteriori riserve di grasso.

Questo fenomeno, grazie al cielo, non è permanente. È possibile superarlo comprendendo cosa ha causato il blocco del peso e agendo in modo appropriato.

Pensa a una dieta come ad una giostra, di quelle che da giù ti sembrano solo divertenti. Se però quando monti su la partenza è troppo brusca e rapida, puoi sentirti male e voler tornare indietro, urlare perchè vuoi scendere.

Invece, se la partenza è graduale e piacevole, ti adatti, ti piace e vuoi arrivare fino alla fine.

Iniziare con una dieta equilibrata, graduale e non troppo restrittiva è la soluzione migliore per arrivare all’obiettivo.

E’ quello che faccio quotidianamente con i miei protocolli di nutrizione di precisione in cui evito la drasticità a favore della valutazione del tuo fabbisogno attuale, del tuo stile di vita, del tuo lavoro, delle tue esigenze.

Questo approccio lento ma costante permette al corpo di adattarsi al nuovo peso senza opporre resistenza, senza andare in blocco o come dicono gli scienziati in steady-state (stallo)

Storie di vita quotidiana in studio.

Maria voleva perdere peso rapidamente per un matrimonio. Di testa sua ha ridotto drasticamente le calorie, eliminato una lunga serie di alimenti dalla sua quotidianità a partire dal pane, la pasta e i dolci; in più ha iniziato a fare esercizi intensi seguendo delle app su internet.

Dopo un mese, ha perso 5kg ed era contenta ed entusiasta, ma dopo il secondo e anche il terzo il peso non è variato.

Il suo peso si è bloccato.

E’ venuta da me in preda allo sconforto, così le ho spiegato cosa stesse succedendo al suo corpo e ha iniziato a mangiare un po’ di più seguendo le mie indicazioni e ha continuato a fare esercizio, ma in modo più moderato.

Dopo qualche settimana, il peso ha ricominciato a scendere, ma questa volta in modo sostenibile e costante.

Sorvegliato speciale quando inizi una dieta è la massa magra quella attiva, quella artefice del dispendio energetico.

Quando perdi peso rapidamente e in modo sbagliato, rischi di perdere massa magra, la massa muscolare insieme al grasso, rallentando il metabolismo e rendendo più difficile la perdita di peso.

E’ quello che è successo a Luca, che ha seguito una dieta fai-da-te trovata su internet, ha perso molto peso in poco tempo, ma si sentiva debole e il suo metabolismo era rallentato. Quando ci siamo incontrati l’ho sottoposto all’esame bioimpedenziometrico ovvero alla valutazione della sua composizione corporea per capire cosa c’era da aggiustare.

Non avendo parametri di riferimento ho stilato un piano ad hoc per lui e mantenuto nei mesi successivi lo stesso introito calorico.

Luca in contemporanea ha iniziato a fare esercizi di forza e a seguire una dieta più bilanciata, migliorando così il suo metabolismo e la sua energia.

Ad oggi i risultati sono ottimi, la massa magra e la massa muscolare sono attive e non sono più scese.

Un altro motivo per cui la dieta può “non funzionare più” è legato all’assetto ormonale.

Gli ormoni giocano un ruolo cruciale nel processo di dimagrimento. Immagina gli ormoni come i direttori d’orchestra del tuo corpo.

Se non funzionano correttamente, l’intera sinfonia del metabolismo può risultare stonata.

Ad esempio, se la tua tiroide non funziona bene, può essere difficile perdere peso anche se stai seguendo una dieta rigorosa, soprattutto se è una dieta FAI-DA-TE.

C’è poco da fare non puoi aspettarti risultati rapidi e duraturi, perché dimagrire richiede tempo e pazienza.

Un’altra cosa che mi preme sottolineare è che mangiare sano non significa necessariamente mangiare dietetico.

Mi spiego meglio, anche gli alimenti sani, se consumati in eccesso, possono contribuire all’aumento di peso. Ad esempio pensare di poter mangiare quanti avocado vuoi perché sono sani è un errore, rischi di consumare troppe calorie e a non riuscire a perdere peso.

Moderazione e equilibrio sono la chiave.

Volendo fare un riassunto di quello che voglio dirti in questo articolo considera il blocco del peso (più precisamente il blocco metabolico) una fase in cui il corpo si abitua alla restrizione calorica, rallentando la perdita di peso.

È come camminare su un tapis roulant a velocità costante senza variazioni di nessun tipo. Questo stato di “risparmio energetico” è una reazione naturale del corpo per proteggersi.

Per superare il blocco metabolico, è importante evitare il digiuno, che può peggiorare la situazione. Anche il digiuno intermittente può essere controproducente se non viene gestito correttamente, potresti infatti imbatterti in un aumento dell’appetito durante i periodi di alimentazione e mangiare troppo scegliendo cibi poco salutari.

Per un dimagrimento sano e duraturo, segui una dieta bilanciata, fai regolare attività fisica e consulta un esperto per evitare squilibri ormonali e perdita di massa muscolare. Mantieni un atteggiamento positivo e paziente: il tuo corpo ti ringrazierà!

Se hai trovato interessante l’articolo condividilo sui tuoi social o stampalo

Facebook
stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *